E’ ONLINE!

E’ ONLINE! Corso FAD

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI DIRETTI NELLA GESTIONE DI PAZIENTI SEMPRE PIU’ FRAGILI E COMPLESSI


Data inizio 11 giugno 2018
Data fine 31 marzo 2019

Responsabile Scientifico

Andrea Pozzati, U.O.S. Cardiologia Ospedale Don G. Dossetti, Bologna
Docenti e Tutor
Gianluca Botto, Direttore U.O. di Elettrofisiologia e Aritmologia Clinica, ASST Rhodense, Ospedale Rho-Garbagnate
Filippo Ottani, U.O.C. Cardiologia Ospedale G.B. Morgagni-L. Pierantoni, Forlì
Mauro Silingardi, U.O.C. Medicina Ospedale Maggiore, Bologna


SCARICA LA BROCHURE IN PDF
Anticoagulanti_2018_2019


Razionale Scientifico

Diversi elementi rendono difficile per il Medico la definizione delle strategie più appropriate per ridurre il rischio tromboembolico nel singolo individuo con fibrillazione atriale non valvolare (FANV) senza aumentare il rischio di sanguinamenti. Inoltre l’indicazione ai NAO si è estesa anche alla prevenzione del rischio embolico nei pazienti complessi con trombosi venosa/embolia polmonare. Risulta indispensabile definire il costo/beneficio associato all’uso di ciascuna opzione terapeutica disponibile e comprendere le possibilità offerte dalla modulazione dell’intensità della coagulazione in situazioni particolarmente complesse, evitando di incorrere nel under-treatment senza una raccomandazione valida.
Gli obiettivi del corso, in questo complesso contesto, saranno i seguenti: definire quale paziente può proseguire la terapia tradizionale con inibitori vitamina K e quali soggetti sono da proporre per i nuovi anticoagulanti orali (NAO) nel contesto dei piani terapeutici nazionale e/o regionale. Non solo è diventato possibile “personalizzare” la terapia con i NAO con molecole e posologie diverse, ma potremo verificare anche l’aderenza al trattamento rispetto alle terapie precedenti per concretizzare il successo osservato nei trial clinici.
Risultati attesi
1 Rivalutare criticamente le evidenze provenienti anche dai registri che sottolineano la centralità della indicazione ai NAO nella prevenzione dei pazienti più complessi e fragili: dalla prevenzione secondaria dell’ictus alla profilassi antitrombotica del paziente oncologico;
2 esaminare il razionale che ha portato le Linee Guida internazionali ad indicare i NAO la strategia più efficace nella prevenzione trombo embolica, con particolare riguardo alle indicazioni più specialistiche;
3 offrire una valutazione globale della sicurezza del trattamento con NAO anche in relazione alle interazioni farmacologiche

Obiettivo formativo:
N. 18: CONTENUTI TECNICO-PROFESSIONALI (CONOSCENZE E COMPETENZE) SPECIFICI DI CIASCUNA PROFESSIONE, SPECIALIZZAZIONE E ATTIVITÀ ULTRASPECIALISTICA

MODULI
1° Modulo
Introduzione. Vantaggi e limiti dei nuovi anticoagulanti diretti nella FA: dalla aderenza alla terapia ai bassi dosaggi Andrea Pozzati
2° Modulo
Gestione della terapia anticoagulante orale con i NAO nel paziente fragile
Filippo Ottani

3° Modulo
Terapia e profilassi della trombosi venosa/embolia polmonare nel paziente oncologico
Mauro Silingardi

4° Modulo
Gestione moderna della terapia anticoagulante in previsione di cardioversione elettrica
Gianluca Botto

Ore previste per l’apprendimento: 20
Crediti formativi assegnati: 30
previo: – superamento verifica di apprendimento
– compilazione del materiale sulla qualità percepita e dei fabbisogni formativi

Destinatari della formazione: da 1000 a 10000

Professioni: Medico Chirurgo
Discipline: Anestesia e rianimazione; Angiologia; Cardiochirurgia; Cardiologia; Chirurgia generale; Chirurgia toracica; Chirurgia vascolare; Ematologia; Geriatria; Malattie dell’apparato respiratorio; Medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza; Medicina generale (medici di famiglia); Medicina interna; Neurochirurgia; Neurologia; Oncologia; Ortopedia e traumatologia;
Professioni: Farmacista
Discipline: Ospedaliero Territoriale